13 caratteristiche che rendono unico ogni browser Web

Molti utenti cinici presumono che i browser Web non facciano altro che rendere diligentemente HTML. Il contenuto è la parte più importante, dicono, quindi fa poca differenza quale browser usi.

Questo può essere vero per le attività di base, ma nonostante tutte le loro somiglianze, i browser differiscono in modo sottile e significativo, grazie al duro lavoro dei fornitori che cercano di stabilire un vantaggio che potrebbe attrarre più utenti al loro stack di codice. Ci sono anche alcune caratteristiche che rendono unico ogni browser e, nel mondo della tecnologia, funzionalità uniche spesso indicano la via da seguire.

[Scopri come hackerare il tuo browser in 7 semplici passaggi | Anche su: "HTML5 nel browser: tela, video, audio e grafica" | "HTML5 nel browser: archiviazione dati locale |" HTML5 nel browser: comunicazioni dati HTML5 "|" HTML5 nel browser: moduli HTML5 "|" HTML nel browser: geolocalizzazione, JavaScript ed extra HTML5 "]

Per avere un'idea migliore dell'evoluzione dei browser odierni, abbiamo compilato il seguente elenco di funzionalità promettenti uniche per un browser. Non credo che questo sia stato un compito facile; molte delle aree più importanti e competitive sono difficili da definire. Ad esempio, tutti i browser sfruttano la potenza di più core e utilizzano la scheda video, ma ognuno si avvicina a questo territorio in un modo leggermente diverso.

Si noti inoltre che mentre alcune di queste funzionalità si trovano su un solo browser, molte possono essere imitate su altri browser installando codice aggiuntivo. Alcune di queste estensioni ti consentono persino di modificare l'aspetto di un browser in modo che sembri un altro: ottieni il coraggio di uno e il volto dell'altro.

Dato il ritmo degli aggiornamenti del browser in questi giorni, non essere sorpreso di trovare presto il meglio del gruppo copiato dai concorrenti. Dopotutto, i campanelli ei fischietti del browser di ieri sono funzionalità indispensabili di oggi. Afferra velocemente.

Chrome: SPDY

Quando è stato progettato il protocollo HTTP, le pagine Web erano costituite da testo e poche immagini. Le pagine Web di oggi sono piene di dozzine di fogli di stile, file JavaScript e un numero incalcolabile di immagini. HTTP forza i browser a richiedere ogni elemento individualmente, aumentando il sovraccarico.

Inserisci SPDY, un protocollo completamente nuovo che Google ha creato per combattere questa lentezza. Non molti siti web parlano ancora SPDY, ma Google afferma che quelli che lo fanno possono fornire le loro informazioni circa il doppio più rapidamente. Chrome è l'unico browser che attualmente funziona con siti Web abilitati per SPDY, molti dei quali si trovano nelle server farm di Google.

Firefox: estensioni profonde

Tutti i principali browser dispongono di architetture plug-in, ma solo Firefox offre un'API profonda e sofisticata. Mentre altri browser consentono di scrivere plug-in in JavaScript, CSS e HTML, creando essenzialmente una pagina Web che avvolge la pagina Web, Firefox va un livello più in profondità, dandoti accesso a un'API che ti consente di creare applicazioni desktop complete dalle parti del browser. Questo è in gran parte un incidente della storia perché Firefox è stato uno dei primi ad avere estensioni e gli altri browser che sono arrivati ​​in seguito hanno deciso che il mondo non aveva bisogno di queste funzionalità extra.

FireFTP, ad esempio, è una delle estensioni più profonde che è difficile ottenere dai classici tre linguaggi: HTML, CSS e JavaScript. Sfrutta l'accesso al file system e l'accesso di basso livello allo stack TCP / IP. Alcune persone potrebbero ritenere che le API più sottili degli altri browser agiscano come una sandbox migliore e quindi offrono maggiore sicurezza - e hanno ragione. Ma molte delle estensioni più sofisticate per Firefox richiedono la flessibilità di immergersi nel codice nativo e interfacciarsi direttamente con il sistema operativo. 

Internet Explorer 9: enfasi sull'efficienza energetica

Tutti potrebbero parlare di motori di compilazione JavaScript e integrazione hardware, ma l'idea di misurare il consumo energetico del browser è nuova. In questo caso, Microsoft sta aprendo la strada, affermando che IE9 è il browser più efficiente dal punto di vista energetico.

Ovviamente, non esiste un modo semplice per testare questa affermazione, anche con un contatore elettrico perché il computer potrebbe bruciare elettricità in qualche attività in background. Tuttavia, l'idea è significativa, in gran parte perché i dispositivi palmari devono essere molto attenti al consumo di energia. Mentre nessuno si accorge davvero se la propria scheda video sulla macchina da gioco richiede una pipeline separata dal Medio Oriente per mantenerla in funzione, tutti gridano quando il telefono si spegne a metà pomeriggio.

IE9 non funziona ancora sui telefoni, ma potrebbe influire sul risparmio energetico del laptop. Inoltre, il semplice fatto di prestare attenzione al consumo di energia del browser potrebbe mettere Microsoft davanti a quello che presto potrebbe diventare un gioco molto importante.

Chrome: un processo separato per ogni scheda

Negli ultimi anni, l'interesse per le architetture multiprocesso è cresciuto tra gli sviluppatori di browser. Qui, Google ha preso l'iniziativa, suddividendo il lavoro delle schede di Chrome in diversi processi. Questo approccio si basa sul sistema operativo per isolare i crash, rendendo così il browser più stabile. In altre parole, se un plug-in o una pagina Web va a sud, il sistema operativo isola il pericolo, solitamente assicurandosi che le altre schede navigino inconsapevoli.

Ovviamente, tutti i produttori di browser stanno implementando la tecnologia multiprocesso in modi diversi e a velocità diverse. Apri la finestra di visualizzazione del processo del tuo PC e inizia a rompere le schede: vedrai che i browser generano alcuni processi, ma solo Google Chrome continua ad aprirli. Chrome è il browser più impegnato a separare il carico di lavoro e lasciare che il sistema operativo agisca da arbitro.

Alcuni sostengono che questo approccio di cinture e bretelle sia eccessivo e non valga la pena, sostenendo che i produttori di browser non dovrebbero ricorrere al sistema operativo per il supporto. Altri suggeriscono che l'esperienza del browser può finire per essere più lenta se le finestre correlate vengono suddivise in processi diversi. Per combattere questo, Chrome a volte inserisce pagine dello stesso dominio nello stesso processo, ma puoi aspettarti che gli argomenti sul modo migliore per gestire il multiprocessing continuino per il prossimo futuro.

Internet Explorer 9: Jump list e blocco del sito

Le Jump List sono iniziate come piccoli menu allegati alle icone in Windows 7. Fai clic con il pulsante destro del mouse sull'icona di un'applicazione e troverai scorciatoie per attività specifiche dell'app e file a cui si accede di recente come determinato dallo sviluppatore dell'app. Ora questi jump list fanno parte di IE9 e ogni web designer può specificare un rapido elenco di pagine importanti a cui gli utenti possono accedere rapidamente con un clic destro. IE9 porta il concetto di jump list un ulteriore passo avanti, consentendo di "appuntare" i siti web sulla barra nella parte superiore di ogni finestra dove possono essere più facili da raggiungere. L'elenco di salto aggiunge un menu a discesa per questi siti Web bloccati. È una buona soluzione per destinazioni comuni, come e-mail o siti di shopping.

Opera 11: querySelectorAll caching

Come sanno i programmatori JavaScript, la manipolazione delle informazioni su una pagina Web può diventare rapidamente dispendiosa in termini di risorse, con la maggior parte di questa attività che include chiamate alla funzione querySelectorAll per cambiare il colore di un elemento o per aggiornare i dati in una sezione di una pagina. Opera 11 include una versione superveloce di questa funzione che dipende da una cache per una parte della sua velocità, aumentando così la velocità di tutta l'attività visiva sulla tua pagina web.

Songbird: confezione appositamente progettata

Si è tentati di non classificare Songbird come browser perché è più focalizzato sulla musica che sulle pagine web. Tuttavia, succhia informazioni dal Web e per questo motivo le includeremo.

Più che uno strumento abilitato per il Web per organizzare MP3, Songbird illustra come non abbiamo bisogno di impacchettare tutto come una pagina Web. Lo strumento tiene traccia dei concerti locali e ti informa sui prossimi concerti quando ascolti una canzone. Non è necessario accedere a una pagina separata per ottenere queste informazioni.

Il set di funzionalità sembra espandersi poiché sempre più aziende offrono plug-in che integrano i loro servizi con Songbird. L'architettura plug-in offre una buona base per la crescita.

Opera 11: Email

C'è stato un tempo in cui Mozilla ha combinato il programma di posta elettronica con il browser, ma ha interrotto questa integrazione molto tempo fa. Quell'era è tornata di nuovo, questa volta su Opera.

Opera 11 offre ai suoi utenti la possibilità di monitorare la posta elettronica durante la navigazione. Il client memorizza la posta sul tuo disco rigido, dandoti accesso offline ai tuoi messaggi e assorbirà la posta da più account e li ordinerà in un elenco. La funzionalità fa parte della spinta di Opera oltre il browser per diventare uno "strumento di comunicazione completo".

Firefox 4: sincronizzazione

Solo pochi anni fa un cellulare era principalmente un telefono? Ora tutti si chiedono quando sostituiranno desktop e laptop. Firefox è pronto per quel giorno offrendo la sincronizzazione cross-browser. La versione Android di Firefox sul tuo telefono può assorbire tutti i segnalibri, la cronologia, le password e persino le schede aperte. Quindi, quando torni alla scrivania, puoi respingere le modifiche apportate mentre digiti sul telefono. Gli altri browser offrono la sincronizzazione in una sola direzione.

Opera Turbo: cache proxy

Prima di Internet, c'era una raccolta di reti, come Compuserve, Minitel, MSN e AOL. Poi è stato aggiunto il prefisso "Inter" collegando tutte queste reti e tutti hanno avuto la libertà di richiedere informazioni da qualsiasi computer là fuori.

Opera Turbo è una sorta di ritorno all '"era della rete" senza alcun compromesso. Il tuo browser dialoga con la raccolta di server di Opera, che sono sintonizzati per fornire i dati più velocemente e in una forma personalizzata per Opera. Questo non è un vero ritorno alle architetture del passato perché i server di Opera sono semplicemente dei proxy che recuperano i dati dal Web. Non ospitano contenuti originali; si limitano a raggruppare ciò che è disponibile.

Safari 5: modifiche facili dell'agente utente

Ogni richiesta di pagina include il nome del browser, che in questo contesto è chiamato "agente utente". Se vuoi fingere di utilizzare un browser diverso, tutto ciò che devi fare è modificare questa stringa. Ciò può essere particolarmente utile durante il test di software mobile che deve apparire in modo diverso sul piccolo schermo di uno smartphone.

La stringa dell'agente utente può sempre essere modificata scavando in profondità nei file sul desktop. Chrome ti consente di modificarlo con un parametro della riga di comando. Safari, tuttavia, ha semplificato l'alterazione del tuo agente utente fornendo un sottomenu che offre un'ampia gamma di stringhe dell'agente utente, comprese quelle per i vari iPad e iPhone. Nel processo, Safari si trasforma nella piattaforma ideale per testare siti Web ottimizzati per iPhone o iPad o per chiunque ami la semplicità di una pagina Web mobile in un ambiente desktop.

Flock: navigazione sociale

Flock è tecnicamente un browser separato con un'enfasi su Facebook, Twitter e altre funzioni sociali sul Web. O almeno lo era: mentre stavo scrivendo, l'azienda ha smesso di supportare lo strumento. Sei libero di continuare a utilizzare Flock, ma la società ha deciso che avrebbe preferito collaborare con Zynga alla creazione di giochi.

L'idea di Flock era di incoraggiare gli utenti a condividere ciò che consumano sul Web e guardare cosa stanno facendo gli altri. Alcuni potrebbero contestare l'affermazione secondo cui Flock si qualifica come browser separato perché il suo nucleo è Chrome, ma la sua natura appositamente costruita offre funzionalità uniche.

Ci sono voci secondo cui Firefox 5 erediterà alcune di queste funzionalità social. RockMelt sta distribuendo un social browser simile che funziona sia sul desktop che sulla piattaforma iOS. Lo spazio non rimarrà vuoto a lungo.

Chrome: "Trasparenza a mani libere"

Essere unici non è sempre un segno di leadership. Chrome di Google, ad esempio, è l'ultimo dei grandi browser a resistere al framework "do not track" che chiede ai siti web di evitare di tracciare gli utenti. Google afferma che sta seguendo lo sviluppo e potrebbe scegliere di implementarlo in qualche forma in futuro. I cinici noteranno che Google, più di qualsiasi altro produttore di browser, ha un interesse nel tracciare gli utenti sul Web perché il suo modello di business dipende dall'elaborazione di queste informazioni per pubblicare annunci pertinenti. 

Pensa al piede di Google che trascina questo sforzo come una forma di anti-timidezza. È come se un tuo amico ti dicesse di smetterla di deprimerti, andare alla festa, aprirti e condividere un po 'di te stesso. Da questo punto di vista, ovvero quello di Google, è facile vedere il rifiuto del framework "do not track" come una sorta di offerta di funzionalità da parte di Chrome, non come una limitazione.

Articoli Correlati

  • Hackerare il tuo browser in 7 semplici passaggi
  • HTML5 nel browser Web: tela, video, audio e grafica
  • HTML5 nel browser Web: archiviazione locale dei dati
  • HTML5 nel browser Web: comunicazioni di dati HTML5
  • HTML5 nel browser Web: moduli HTML5
  • HTML5 nel browser Web: geolocalizzazione, JavaScript e HTML5 extra
  • Il miglior browser Web: Chrome, Firefox, Internet Explorer, Opera o Safari?
  • Report di approfondimento sulla sicurezza del browser Web

Questa storia, "13 caratteristiche che rendono unico ogni browser Web", è stata originariamente pubblicata su .com. Segui le ultime notizie su browser Web, applicazioni e HTML5 su .com. Per le ultime notizie sulla tecnologia aziendale, segui .com su Twitter.