Box.net sposta ulteriormente lo storage nel cloud nella collaborazione aziendale

La bellezza del cloud è che rende facile per le persone mettere in atto la tecnologia quando ne hanno bisogno. La bruttezza del cloud è che consente ai dipendenti di introdurre tecnologia di cui l'azienda non è a conoscenza, esponendo potenzialmente informazioni riservate o peggio. Il provider di archiviazione cloud Box.net sta cercando di quadrare quel cerchio con una nuova versione del suo servizio Box.net, che inizia oggi. L'implementazione per i 5 milioni di clienti dell'azienda dovrebbe essere completata in 30 giorni.

La versione aggiornata del servizio di archiviazione ha una nuova architettura back-end che dovrebbe consentirne la scalabilità man mano che più utenti si uniscono e tuttavia essere più reattiva nell'aggiornamento dei file tra i collaboratori, afferma il CEO Aaron Levie. Il servizio ha anche una nuova interfaccia utente che visualizza in anteprima i documenti in una cartella o progetto e mostra un elenco di altri documenti correlati (inizialmente significa che si trovano nella stessa cartella, ma in seguito si baserà sul confronto dei termini utilizzati nei documenti), afferma Levie . È possibile visualizzare in anteprima i file PDF e Microsoft Office.

[Scopri le principali app aziendali per iPhone e le migliori app per ufficio per iPad. | Ottieni le spiegazioni e i consigli pratici di cui hai bisogno per trarre vantaggio reale dal cloud computing nel rapporto speciale di 21 pagine di Cloud Computing Deep Dive PDF degli editori. ]

Il servizio Box.net aggiornato aggiunge anche una capacità di commento per consentire discussioni all'interno della finestra del browser Box.net in modo che le persone possano collaborare ai progetti, non solo condividere documenti. In futuro, tali commenti potrebbero essere integrati con altre tecnologie di messaggistica come Twitter e la messaggistica istantanea; inizialmente, l'unico messaggio che avviene al di fuori dell'ambiente Box.net è la notifica e-mail delle modifiche allo stato del documento.

Le modifiche saranno prima disponibili nell'ambiente del browser desktop utilizzato per accedere a Box.net, quindi si faranno strada nel client iOS del servizio e nel suo client Android. Il programma per la loro integrazione in iOS e Android si basa sulle funzionalità che questi dispositivi hanno già e su ciò che Box.net deve sviluppare da solo. Ad esempio, poiché iOS include una funzionalità di anteprima del documento, gli utenti iOS avranno la nuova funzionalità di anteprima al momento del lancio, osserva Levie.

Il servizio Box.net consente all'IT di impostare criteri di accesso, sia a quali persone hanno accesso sia a quali documenti e cartelle hanno accesso. Pertanto, l'IT può controllare chi ha accesso a quali documenti aziendali, nonché delegare l'autorizzazione a dipendenti specifici in modo che possano invitare i partecipanti a un progetto, ad esempio per coinvolgere appaltatori o partner commerciali. Nei propri account, tali utenti invitati vedono i propri documenti più quelli aziendali a cui sono stati invitati. Tuttavia, i documenti aziendali vengono archiviati separatamente dai propri documenti, nonostante la visualizzazione unificata di tutti i documenti disponibili, afferma Levie. (I documenti aziendali su cui sono stati invitati a lavorare non sono effettivamente archiviati nel loro spazio di archiviazione Box.net, ma sono invece archiviati nell'account dell'azienda che li ha invitati. Pertanto,L'IT può rimuovere l'accesso a tali documenti aziendali in qualsiasi momento.)

Levie afferma che questo approccio aperto e non pesante alle autorizzazioni rende meno probabile che i dipendenti configurino account di archiviazione cloud surrettizi e utilizzino invece l'ambiente Box.net sanzionato. Pertanto, l'IT ha maggiore visibilità e controllo sulle informazioni aziendali di quanto non sarebbe se i dipendenti utilizzassero i servizi ombra, afferma - un'affermazione che secondo lui si basa sull'esperienza dei clienti esistenti.

Al di là delle modifiche imminenti, Levie afferma che Box.net sta lavorando per fornire al servizio alcune opzioni di gestione che raggiungerebbero i dispositivi mobili per eliminare i documenti trasferiti nella loro memoria locale in modo che i documenti possano essere estratti automaticamente dagli smartphone e dai tablet dell'utente quando un progetto è o non sono più associati al progetto. Tale funzionalità funzionerebbe in modo simile a come gli strumenti di gestione mobile possono cancellare da remoto account e documenti, ma in questo caso sarebbe limitata ai documenti forniti da Box.net.

Questo articolo, "Box.net sposta ulteriormente l'archiviazione cloud nella collaborazione aziendale", è stato originariamente pubblicato su .com. Segui gli ultimi sviluppi nelle notizie di tecnologia aziendale e ottieni un riassunto delle storie chiave ogni giorno nella newsletter quotidiana. Per gli ultimi sviluppi nelle notizie di tecnologia aziendale, segui .com su Twitter.