25 anni dopo Lotus Notes, IBM tenta di reinventare nuovamente la posta elettronica

L'e-mail Verse da IBM è il tipo di servizio che normalmente assoceresti a una startup frammentata. La sua missione: rendere la posta elettronica meno un mal di testa e, se possibile, dare un colpo a Google e al suo dominio quasi totale del mercato della posta elettronica basato sul Web per privati ​​e aziende.

Un post sul blog di Jeff Schick, VP, IBM Social Software, fornisce dettagli su Verse in un video dimostrativo. Verse è progettato per rendere la posta auto-organizzata e le attività più facili da dare la priorità, con le persone piuttosto che i messaggi come unità di base della comunicazione. Il contenuto condiviso tra i membri del team può essere visualizzato in anteprima senza scaricarlo, ricordando la gestione di Office 365 dei tipi di documenti comuni.

Alcune delle funzionalità di ricerca e classificazione di Verse saranno supportate dal servizio di apprendimento automatico Watson di IBM. IBM afferma che questo "[consentirà] agli utenti di interrogare Watson su un determinato argomento e ricevere una risposta diretta con risposte classificate in base al grado di fiducia".

In molti modi, Verse è parallelo alla Posta in arrivo di Google, che tenta di classificare automaticamente le email in arrivo in base sia al contenuto delle email che ai comportamenti dell'utente con i messaggi. IBM ritiene inoltre che Verse sia più forte sulla privacy di Google; la versione rileva che Verse offre funzionalità simili a "servizi di posta liberamente disponibili che minano la posta in arrivo di un utente per aumentare la pubblicità e monetizzare i dati in altri modi".

Verse è stato originariamente annunciato a gennaio come Mail Next, una revisione del prodotto Lotus Notes di lunga data di IBM; l'obiettivo di rendere la casella di posta in arrivo di un utente auto-organizzante era anche nella dichiarazione di intenti di allora. Verse è basato sul sistema del server di posta IBM Domino, e poiché Lotus Notes continua a vantare un'esistenza nelle distribuzioni in tutto il mondo, IBM punta almeno in parte sul fatto che gli utenti Notes esistenti migrino in Verse.

Alla domanda sulla distinzione tra Notes e Verse, Schick ha risposto in una e-mail: "Notes è un rich client in cui IBM continuerà a investire. Verse è un'esperienza basata sul Web che cambia il paradigma su come le persone lavoreranno. Il servizio di posta di IBM supporterà sia Notes che Verse, dando ai nostri clienti e partner commerciali la possibilità di scegliere quale opzione preferiscono. Se stai già utilizzando Notes, proteggiamo il tuo investimento nel servizio di posta IBM e consentiamo agli utenti di accedere senza problemi a Verse. "

A parte gli utenti di Notes, un altro pubblico importante per Verse potrebbero essere gli utenti, punto, poiché apparentemente IBM si sta preparando a offrire Verse a quasi tutti coloro che lo desiderano. Questo è un importante perno del business e riecheggia il percorso di Apple nelle aziende in quanto è diventato uno dei preferiti degli utenti di ranghi e file (e uno dei nuovi partner di IBM per le applicazioni aziendali). 

IBM non ha rivelato come intende monetizzare Verse. Con gli annunci fuori questione, il servizio sarà probabilmente gratuito per gli individui, con il gruppo di lavoro avanzato e le funzionalità di analisi basate su Watson disponibili per i clienti paganti. È anche possibile che IBM stia cercando di monetizzare Watson indirettamente tramite Verse: esaminando il modo in cui gli utenti di Verse interagiscono con Watson, utilizzando i dati per perfezionare ulteriormente l'intelligenza di Watson, quindi aggiungendo funzionalità Watson monetizzabili tramite il suo set di API pubbliche.