Android Studio per principianti, parte 3: crea ed esegui l'app

Aggiornato: gennaio 2020.

In Android Studio per principianti, parte 2, hai creato la tua prima app mobile animata utilizzando Android Studio. Ora, la parte 3 ti guiderà attraverso i passaggi per creare ed eseguire l'app in un emulatore di dispositivo Android o dispositivo live.

Per prima cosa useremo Gradle per creare il file del pacchetto dell'applicazione (APK) dell'app. Quindi ti mostrerò come configurare ed eseguire l'app su un emulatore di dispositivo Android o un dispositivo reale, in questo caso un tablet Kindle Fire. Ti mostrerò anche come ho risolto un paio di problemi con la configurazione dell'emulatore di dispositivo di Android Studio, incluso il famigerato errore di Timeout durante l'attesa .

Si noti che questa serie è stata aggiornata per Android Studio 3.2.1, l'attuale versione stabile al momento della stesura di questo documento.

Costruire la tua app Android

Se hai seguito la parte 2, hai già caricato il codice sorgente e i file di risorse nel tuo progetto Android Studio. Ora sei pronto per creare l'app per la prima volta.

Se non l'hai già fatto, avvia Android Studio. La barra dei menu fornisce un menu Costruisci , che utilizzerai per accedere a Gradle e creare l'applicazione di esempio.

Seleziona Crea progetto dal menu Genera . Dovresti osservare un messaggio Gradle Build Running sulla barra di stato. Dopo un po 'dovresti osservare un messaggio Gradle Build Finished . Fare clic su questo messaggio e verrà visualizzata la finestra Registro eventi .

Jeff Friesen

C'è più di un modo per creare un'app Android. Ad esempio, puoi selezionare Ricostruisci progetto dal menu Genera . Un altro approccio consiste nell'eseguire effettivamente l'app. Se necessario, Gradle ricostruirà automaticamente l'app prima che il suo APK venga installato e l'app venga eseguita.

Fai di più con il menu Crea

Il menu Build di Android Studio ti consente di eseguire diverse attività di build. Ad esempio, puoi utilizzare la voce di menu Genera pacchetto firmato / APK per creare un pacchetto di app firmato o un APK.

Esecuzione della tua app Android

In questa sezione ti mostrerò come eseguire un'applicazione Android in due modi: prima su un dispositivo emulato e poi su un dispositivo reale. Per il mio esempio userò un tablet Amazon Kindle Fire HD, ma le istruzioni dovrebbero generalmente essere valide per il dispositivo di tua scelta.

Esegui la tua app Android su un dispositivo emulato

Puoi eseguire l'applicazione di esempio (W2A) o qualsiasi altra app selezionando Esegui "app" nel menu Esegui . In alternativa, puoi fare clic sul pulsante triangolo verde sulla barra degli strumenti. In ogni caso, Android Studio risponde con la finestra di dialogo Seleziona destinazione di distribuzione .

Jeff Friesen

Dopo aver inizializzato Android Debug Bridge, il messaggio nella Figura 2 verrà sostituito da un elenco di tutti i dispositivi USB collegati e degli emulatori in esecuzione che sono stati rilevati da Android Studio.

Jeff Friesen

In questo caso, Android Studio non ha rilevato alcun dispositivo USB collegato o emulatori, quindi dovrai configurare un nuovo dispositivo virtuale. Facendo clic su Crea nuovo dispositivo virtuale si avvia la finestra di dialogo mostrata nella Figura 4.

Jeff Friesen

Seleziona il dispositivo che desideri emulare. Per questo esempio, ho selezionato il Nexus 5X evidenziato (predefinito) . Fare clic su Avanti dopo aver effettuato la selezione.

Il pannello Immagine di sistema risultante invita a selezionare un'immagine di sistema per questa emulazione di dispositivo. Ho fatto clic sulla scheda Altre immagini seguita da IceCreamSandwich , la linea evidenziata nella Figura 5.

Jeff Friesen

Dovrai fare clic sul link Download per scaricare qualsiasi immagine di sistema che hai scelto. L'immagine non è installata per impostazione predefinita. Prima di poter installare l'immagine di sistema, ti verrà anche presentato un contratto di licenza.

Jeff Friesen

È necessario accettare il contratto di licenza per continuare. Dopo aver accettato il contratto di licenza, ti verrà presentato il pannello Component Installer . A questo punto, i componenti dell'immagine di sistema vengono scaricati e installati.

Jeff Friesen

Prima di continuare, è una buona idea controllare il tuo lavoro. Utilizzare il pulsante Indietro per uscire dalle finestre di dialogo di installazione e tornare al pannello del dispositivo virtuale Android (AVD) . Qui puoi verificare le tue impostazioni per l'emulatore AVD che eseguirà il tuo dispositivo emulato.

Jeff Friesen

Per questo esempio, ho scelto di mantenere le impostazioni predefinite. È possibile mantenere le impostazioni predefinite o apportare le modifiche necessarie, quindi fare clic su Fine . Ora dovresti tornare alla finestra di dialogo Seleziona destinazione di distribuzione .

Jeff Friesen

Evidenzia la voce del dispositivo scelta e fai clic su OK .

Cronologia delle versioni di Android

Fai un tour virtuale delle versioni di Android, da Cupcake 1.0 a Pie, rilasciate nell'agosto 2018.

Risoluzione dei problemi dell'emulatore del dispositivo Android

Sfortunatamente, a questo punto dell'installazione potresti ricevere un messaggio che indica che Instant Run non è supportato. Nel mio caso, la barra di stato presentava un messaggio In attesa che il dispositivo di destinazione ritorni online e appariva una finestra dell'emulatore vuota.

Jeff Friesen

Poco dopo la comparsa della finestra dell'emulatore, il qemu-system-armel.exeprogramma basato su Windows responsabile della creazione di questa finestra si è bloccato. (Ricorda dalla Parte 1 che sto eseguendo un sistema operativo Windows a 64 bit.)

Jeff Friesen

All'inizio, non ero sicuro di come risolvere questo problema. Fortunatamente, la prossima volta che ho eseguito Android Studio 3.2.1, ho osservato un messaggio IDE e aggiornamenti plug -in nell'area in basso a destra della finestra principale di Android Studio.

Jeff Friesen

Ho fatto clic sul collegamento di aggiornamento e ho seguito le istruzioni per aggiornare l'emulatore, il che ha portato a un nuovo qemu-system-armel.exefile.

Niente più incidenti, ma ho subito un altro intoppo.

In attesa che il dispositivo di destinazione sia online

Quando ho provato a eseguire l'app nel mio emulatore, la barra di stato mostrava nuovamente un messaggio In attesa che il dispositivo di destinazione ritorni online , seguito dalla finestra dell'emulatore vuota.

Alla fine, Android Studio ha rinunciato all'attesa e ha presentato il messaggio di errore: Errore durante l'attesa del dispositivo: scaduto dopo 300 secondi in attesa che l'emulatore fosse online.

Quando ho cercato su Google questi messaggi, ho scoperto che molti altri hanno riscontrato questo problema. Alcuni sviluppatori hanno risolto questo problema abilitando l'hardware dell'unità di elaborazione grafica di AVD. Ci sono voluti un po 'di esplorazione per capirlo, quindi condividerò ciò che ho imparato e, si spera, ti farò risparmiare un po' di tempo.

Abilita l'unità di elaborazione grafica di AVD

Un AVD è costituito da diversi file e directory che si trovano in una directory con .avdestensione. Ad esempio, l'AVD che ho creato si trova in C:\USERS\Jeff\.android\avd\Nexus_5X_API_15.avd.

Questa directory contiene un config.inifile che memorizza le impostazioni di configurazione per l'AVD. Due impostazioni hanno attirato la mia attenzione:

 hw.gpu.enabled=no hw.gpu.mode=off 

Ho modificato queste voci come segue:

 hw.gpu.enabled=yes hw.gpu.mode=on 

L'abilitazione dell'Unità di elaborazione grafica ha risolto il problema: la prossima volta che ho provato a eseguire l'app, ho osservato un dispositivo Nexus 5X emulato correttamente in esecuzione.

Jeff Friesen

Ho sbloccato il dispositivo utilizzando il mouse per far scorrere l'icona del lucchetto verso destra. A questo punto l'emulatore mostrava l'attività principale dell'app di esempio.

Jeff Friesen

E per quanto riguarda l'utilizzo di AVD Manager?

Se sei come me, potresti aspettarti che sia possibile modificare le impostazioni dell'emulatore tramite AVD Manager. Ad esempio, la schermata di configurazione di un AVD ha una casella di riepilogo a discesa Grafica con le voci Software - GLES 1.1 (impostazione predefinita) e Hardware - GLES 2.0 . Ho provato a selezionare Hardware - GLES 2.0 , ma la modifica non è stata applicata . Ho cambiato con successo le hw.gpuvoci nel config.inifile.

Esecuzione della tua app Android su un dispositivo live

Eseguire un'app tramite un emulatore lento può essere molto frustrante. Una soluzione è utilizzare un software di emulazione più veloce, come il plug-in di GenyMotion per Android Studio. Un'altra soluzione è utilizzare un vero dispositivo Android.

Alcuni anni fa, ho acquistato un tablet Amazon Kindle Fire HD 7 "di prima generazione, che esegue Android 4.0.3 (livello API 15). Uso ancora questo tablet per eseguire app Android che non richiedono le ultime API Android.

Durante la ricerca su come utilizzare il mio tablet Kindle Fire con Android Studio 3.2.1, ho trovato due guide utili da Amazon: Configura il tuo ambiente di sviluppo per tablet Fire e Connetti a tablet Fire tramite ADB. Riassumerò il processo di connessione di un dispositivo Kindle Fire ad Android Studio, ma fai riferimento a queste guide se hai bisogno di maggiori informazioni.

Innanzitutto, se sei un utente Windows come me, dovrai iniziare disinstallando il driver non ADB installato quando il tuo tablet Kindle Fire è collegato al tuo computer di sviluppo, senza prima abilitare ADB. Quindi installerai il driver USB di Amazon.

Quindi, scarica il driver USB Kindle Fire. L'archivio ZIP scaricato contiene Fire_Devices ADB drivers.exeun'applicazione.

Esegui Fire_Devices ADB drivers.exee segui le istruzioni. Sono finito con una C:\Program Files (x86)\Amazon.com\Fire_Devices\Driversdirectory contenente i file dei driver necessari.

Dopo aver installato i driver, dovrai abilitare ADB sul tuo tablet. Quindi, collegherai il tablet al tuo computer di sviluppo. Consulta la guida di Amazon se hai bisogno di istruzioni aggiuntive per collegare il tuo tablet ad Android Studio.

Dopo aver configurato tutto, avvia Android Studio, carica il tuo progetto Android ed esegui l'app. Questa volta, la finestra di dialogo Seleziona destinazione di distribuzione dovrebbe mostrare una voce Amazon KFTT nella sezione Dispositivi connessi . Seleziona questa voce e fai clic su OK . Android Studio risponde indicando a Gradle di creare l'app. Una volta fatto, installerà l'APK dell'app ed eseguirà l'app sul dispositivo.

Jeff Friesen

Conclusione alla parte 3

Hai scritto, costruito ed eseguito la tua prima applicazione Android Studio utilizzando Android 3.2.1 o versioni successive e hai risolto alcuni problemi lungo il percorso. Come passaggio successivo, suggerisco di sperimentare ciò che hai imparato. Usa gli esempi e il codice sorgente dei primi tre tutorial per principianti di Android per sviluppare un tuo nuovo progetto. Mantieni i tuoi progetti semplici mentre impari i dettagli del lavoro con Android Studio e le sue funzionalità integrate, ma sfida te stesso a sperimentare.

Ovviamente, puoi fare di più con Android Studio. L'ultimo articolo di questa serie introduce tre strumenti integrati per la registrazione, il debug e il linting delle app Android. Estenderemo anche Android Studio con tre plug-in di produttività, tra cui Project Lombok.

Fino ad allora, buona programmazione!

Questa storia, "Android Studio per principianti, parte 3: crea ed esegui l'app" è stata originariamente pubblicata da JavaWorld.