La nuvola è piena di zombi, ma va bene così

Microsoft vuole che tu creda che Amazon Web Services sia "un ponte verso il nulla", ma niente potrebbe essere più lontano dalla verità. In effetti, come dice Gartner, "Le nuove cose [carichi di lavoro] tendono a passare al cloud pubblico ... e le nuove cose stanno semplicemente crescendo più velocemente" rispetto ai carichi di lavoro tradizionali che attualmente alimentano il data center.

La maggior parte di queste "novità" è destinata ad AWS, sebbene Microsoft Azure sia un gioco sempre più credibile.

In effetti, entrambi riflettono la realtà che il futuro appartiene al cloud pubblico. Questa è in parte una questione di prezzo, come sostiene Bernard Golden di Actuate, ma è soprattutto una questione di flessibilità e convenienza. Sebbene la comodità possa portare a molti sprechi sotto forma di VM inutilizzate, è un male necessario sulla strada per costruire il futuro.

Cloud pubblico: grande e sempre più grande

Il numero al quale gli analisti ora fissano il valore di Amazon Web Services ha raggiunto l'enorme cifra di $ 50 miliardi. Questa è una cifra sorprendente, ed è rafforzata da una stima secondo cui AWS genererà $ 20 miliardi di entrate annuali entro il 2020, rispetto a circa $ 5 miliardi nel 2014.

Abbiamo avuto dubbiosi che odiano su tali pronostici prima, e si sono sbagliati - ogni singola volta .

Chiaramente, c'è uno spostamento tettonico a livello di settore verso la scala e la convenienza del cloud computing pubblico, come mostra la ricerca dell'analista di Gartner Thomas Bittman.

Gartner

Ciò che è chiaro da questi grafici è che, nel complesso, il numero di VM attive è triplicato, così come il numero di VM di cloud privato - non male.

Ma molto più impressionante è l'ondata di onde per le VM in esecuzione nel cloud pubblico. Come sottolinea Bittman, "Il numero di VM attive nel cloud pubblico è aumentato di venti volte. Il cloud pubblico IaaS ora rappresenta circa il 20% di tutte le VM e ora ci sono circa sei volte più VM attive nel cloud pubblico rispetto a in cloud privati ​​locali ".

In altre parole, il cloud privato sta crescendo a un ritmo ragionevole, ma il cloud pubblico sta crescendo a un ritmo torrido.

Un numero falso?

Naturalmente, una parte significativa di quella crescita del cloud pubblico è il vapore. Come osserva Bittman, "La gestione del ciclo di vita e la governance per le VM nel cloud pubblico non sono così rigorose come la gestione e la governance nei cloud privati ​​locali", portando il 30-50% delle VM del cloud pubblico a essere "zombie", o VM che sono pagati ma non utilizzati.

Quel numero potrebbe essere generoso. Nelle mie conversazioni con una varietà di aziende grandi e piccole, ho visto sprechi di VM fino all'80%.

Non che questa sarà una grande sorpresa per i professionisti del data center. Secondo le stime di McKinsey, l'utilizzo dei data center si attesta al 6%. Mentre Gartner dà speranza - stimando l'utilizzo al 12 percento - questo parla ancora di terribili inefficienze nell'uso dell'hardware.

In altre parole, c'è sempre una discreta quantità di sprechi nell'IT, che sia in esecuzione su cloud pubblici o privati ​​o nei data center tradizionali. Sì, esistono strumenti come Cloudyn per monitorare l'utilizzo effettivo del cloud. Anche AWS, che teoricamente rischia di perdere entrate se i clienti disattivano dal 30 al 50% della capacità inutilizzata, ha il suo servizio di monitoraggio CloudWatch per aiutare i suoi clienti a evitare sprechi. Ma non è proprio questo il punto.

Inventare il futuro

La realtà è che il cloud pubblico è esploso in popolarità perché aiuta le aziende a trasformare le loro attività. La stessa comodità che rende così facile per gli sviluppatori avviare nuove istanze del server porta alla probabilità di dimenticarsi che sono in esecuzione quando arriva il prossimo progetto.

Questa è una forza, non una debolezza, del cloud pubblico. Come Matt Wood, responsabile della scienza dei dati di AWS, mi ha detto recentemente in un'intervista:

Coloro che escono e acquistano infrastrutture costose scoprono che l'ambito del problema e il dominio cambiano molto rapidamente. Quando riescono a rispondere alla domanda originale, l'attività è andata avanti. Hai bisogno di un ambiente che sia flessibile e ti permetta di rispondere rapidamente ai mutevoli requisiti dei big data. Il tuo mix di risorse è in continua evoluzione; se acquisti un'infrastruttura è quasi immediatamente irrilevante per la tua attività perché è congelata nel tempo. Risolve un problema che potresti non avere o che non ti interessa più.

Certo, sarebbe più conveniente chiudere le VM inutilizzate. Ma nella fretta di inventare il futuro, può essere costoso creare problemi. Tornando a Bittman, che caratterizza i carichi di lavoro del cloud pubblico e privato come segue:

È molto più probabile che le VM del cloud pubblico vengano utilizzate per istanze a breve termine, compatibili con il cloud e scalabili orizzontalmente, mentre il cloud privato tende ad avere istanze a lungo termine, tradizionali e scalabili verticalmente. Ci sono certamente esempi di nuove istanze cloud-friendly in cloud privati ​​ed esempi di carichi di lavoro tradizionali migrati al cloud pubblico IaaS, ma quelli non sono la norma. Le cose nuove tendono a passare al cloud pubblico, mentre le cose vecchie in modi nuovi tendono a passare ai cloud privati.

Presta attenzione a quest'ultima riga, perché è l'indicazione più chiara del motivo per cui ogni azienda ha bisogno di investire pesantemente nel cloud pubblico e perché il cloud privato mi sembra un ripiego a breve termine. Sì, potrebbero esserci carichi di lavoro che oggi sembrano inappropriati per il cloud pubblico. Ma non dureranno.