Non puoi più permetterti di assecondare i blocchi del cloud

La dissonanza cognitiva si verifica quando le credenze o i presupposti sono contraddetti da nuove informazioni. Le persone affrontano questa tensione con una delle numerose manovre difensive: spesso rifiutano o evitano le nuove informazioni, oppure ricorrono ad altri mezzi difensivi per preservare l'ordine nelle loro concezioni della realtà.

Cosa c'entra questo con il cloud computing? Molto, di questi tempi.

Per molti professionisti IT una decina di anni fa, il cloud computing non era sicuro, costoso, inaffidabile e altrimenti malvagio. All'inizio, si agitavano rumorosamente contro l'idea di nuvola. Oggi, quelle persone tengono in gran parte le loro opinioni per sé, ma più di loro sono là fuori di quanto pensi.

Molte aziende hanno oggi un grande successo con il cloud computing e le prove dimostrano chiaramente che il cloud è più sicuro dei sistemi in sede, costa meno per operare e fornisce funzionalità strategiche chiave come l'agilità e il time to market ridotto.

Ma ci sono ancora quelle persone che hanno tenuto il cloud computing fuori dalle loro aziende nell'ultimo decennio, inizialmente attraverso la resistenza attiva e il licenziamento, ora essendo silenziosamente passivo-aggressivo. Oggi si trovano di fronte a un capo, un consiglio di amministrazione e uno staff che stanno esaminando nuove informazioni e forse affrontano una concorrenza più rapida e agile con il cloud computing. Questi resistenti alle nuvole sono in uno stato di dissonanza cognitiva in piena regola.

Questa dissonanza cognitiva è dannosa sia per loro che per le loro aziende.

Molte di queste persone sono viste come bloccanti e quindi perdono il lavoro; I CIO sono in cima alla lista. Che spreco di talento!

Peggio ancora, finiscono anche per sprecare tempo e denaro delle loro aziende cercando di dimostrare a tutti che avevano davvero ragione su qualcosa su cui non hanno ragione. Alcuni fingono (consapevolmente o meno) di provare il cloud in modi stupidi che sicuramente falliranno e poi incolpano i fallimenti sul cloud.

Nella mia esperienza, pochissimi cloud blocker sono persone cattive o stupide. Non riescono a superare la loro visione del mondo, anche quando non è più valida. Le persone che hanno un tale blocco mentale devono essere eliminate in un modo o nell'altro. Forse una sorta di consulenza può aiutarli ad andare avanti. Ma quelli che non cambiano devono andare.