Quali sono le differenze tra le distribuzioni Linux?

Quali sono le differenze tra le distribuzioni Linux?

Linux offre una quantità enorme a qualsiasi utente di computer, ma la proliferazione di distribuzioni a volte può creare confusione per le persone più nuove. Un redattore di Linux ha chiesto quali fossero le differenze e ha ottenuto alcune risposte utili.

ChaosWorshiper ha posto la sua domanda sulle distribuzioni Linux:

Quali sono le differenze tra le distribuzioni Linux? È solo una differenza dell'interfaccia utente o va più in profondità in un livello più funzionale?

Altro su Reddit

I suoi colleghi redattori di Linux hanno risposto:

Ciphertext008: "Gestione dei pacchetti, hosting remoto dei pacchetti (file binari / sorgente), velocità di rilascio, ambiente desktop e interfaccia utente predefinita, supporto / comunità / forum."

Send-me-to-hell: "Spesso anche le versioni dei pacchetti sono diverse poiché ogni distribuzione cerca di spingere le persone verso il software che vogliono supportare. Anche i kernel sono compilati in modo diverso. Ad esempio, RHEL è più SELinux pesante senza menzione di AppArmor mentre il contrario è vero per Ubuntu.

Anche le configurazioni predefinite e le scelte di compilazione tra le distribuzioni possono variare. "

Bitwize: "Linux è solo un kernel. Ha bisogno di un'intera suite di software che lo accompagni per funzionare come un sistema operativo completo: il programma init che avvia il sistema, una shell, comandi come ls, mv, cat , ecc., utilità di manutenzione e configurazione, ecc.

Una distribuzione è un modo per impacchettare questo software in modo che possa essere installato in posizioni standard per formare un sistema operativo completo. Probabilmente ci sono tante idee sul modo ideale per confezionare questo software quanti sono gli utenti Linux, quindi non sorprende che ci siano molte distribuzioni.

A seconda delle distribuzioni che stai confrontando, potrebbero essere molto diverse in alcuni dettagli: come viene eseguita la gestione dei pacchetti e la risoluzione delle dipendenze, come è configurata la rete, quale software è supportato e quali patch vengono applicate alla versione della distribuzione di il software e così via.

Ma alla fine sono tutti Linux e la maggior parte di essi funzionerà più o meno allo stesso modo fino a quando non entrerai nei dettagli che coinvolgono l'installazione di software in pacchetti o la configurazione dei servizi forniti dalla distribuzione ".

Echospring: "Tutto, da diversi sistemi di inizializzazione fino a sfondi e caratteri. La maggior parte ha diversi set di pacchetti disponibili, pianificazioni di rilascio, formati dei pacchetti, stabilità, disponibilità della documentazione, disponibilità ad aiutare gli utenti inesperti, libertà del software e frequenza di aggiornamento della sicurezza. Alcuni sono leggeri , progettano per sistemi embedded mentre altri si concentrano su desktop 3d ad alte prestazioni Quasi tutti aggiungono patch al software esistente per correggere bug o aggiungere funzionalità.

Per analogia, immagina 10 maestri culinari ciascuno che prepara una torta nuziale. Saranno tutte torte commestibili, ma gli ingredienti, l'aspetto, la consistenza, la consistenza e la forma saranno tutti diversi ".

Swrrga: "La mia impressione è che la maggior parte delle distribuzioni Linux sembra essere stata creata in base alle antipatie degli sviluppatori per alcune funzionalità di altre distribuzioni, ma di solito sono troppo educati per dirti questo sulla loro pagina di destinazione. I siti di terze parti sono di solito più disposto a tagliare la merda - "$ DEV_A pensava che la distribuzione fosse fornita con troppo / non abbastanza software non libero, quindi l'ha biforcuta e ha ripristinato una vecchia GUI".

Jones_supa: "Penso che in pratica la differenza più grande sia se una distribuzione è una versione in sequenza o stabile. Questo è ciò che influisce maggiormente sull'esperienza quotidiana.

Un rilascio progressivo fornisce costantemente aggiornamenti all'avanguardia. Questo è utile per coloro che vogliono le ultime cose interessanti il ​​prima possibile.

Una versione stabile non apporta grandi modifiche alla piattaforma e si concentra principalmente sulla risoluzione di glitch e problemi di sicurezza. Le patch e il supporto vengono forniti per alcuni anni. È meno incline a rompersi rispetto a un rilascio a rotazione.

A parte questo, puoi trovare tutto lo stesso software da tutte le distribuzioni e possono praticamente fare tutti gli stessi trucchi. I desktop predefiniti e cose del genere sono semplicemente diversi, ma possono sempre essere modificati e i remix forniscono opzioni diverse immediatamente ".

SoBuffaloRes: "In gran parte, è il gestore di pacchetti che utilizzerai.

Le differenze minime sono cicli di aggiornamento.

L'altra differenza sta andando nella direzione del dodo, dato systemd. Systemd gestirà tutta la configurazione, la gestione del desktop, il logging, la gestione dei pacchetti, il bootloader, ecc. Ecc. Quindi, se systemd rimane in giro, ci saranno pochissime (se ce ne sono) differenze, e useremo tutti Redhat Linux. "

Altro su Reddit