Ottimizzazione di Android: come aumentare le prestazioni durante l'attesa di Lollipop

Android 5.0 Lollipop è stato annunciato come il più grande passo avanti del sistema operativo fino ad oggi. La durata della batteria e le prestazioni migliorate attraverso le modifiche al runtime di base di Android e ai sistemi di gestione dell'alimentazione sono tra i miglioramenti più attesi tra gli utenti, data la loro promessa di un'esperienza più veloce ed efficiente.

Almeno questa è la teoria. Sfortunatamente, per il 98% dei dispositivi Android che attendono con impazienza il loro aggiornamento Lollipop, non c'è modo di sapere se Lollipop darà nuova vita ai loro dispositivi. È qui che gli sviluppatori di terze parti possono colmare il divario di prestazioni, come hanno fatto sin dai primi giorni di Android.

Per anni, gli sviluppatori hanno armeggiato con strumenti per prolungare la durata della batteria del dispositivo e migliorarne le prestazioni, utilizzando metodi simili a quelli che Google sta implementando. Queste app impiegano una serie di modifiche e trucchi per sfruttare al massimo l'hardware Android indipendentemente dalla loro età o potenza.

Qui, abbiamo messo alla prova molte delle più popolari app di gestione della batteria e delle prestazioni di terze parti per vedere se valgono un download mentre aspetti che Lollipop atterri e per scoprire come si sovrappongono ai miglioramenti di Android 5.0 .

Batteria Android 5.0 e miglioramenti delle prestazioni

Android 5.0 cambia completamente il modo in cui i dispositivi gestiscono il proprio hardware interno.

La transizione di Lollipop da Dalvik ad ART (Android Runtime) come macchina virtuale di processo principale segna il cambiamento più significativo. A differenza di Dalvik, che compila il bytecode di un'app ogni volta che viene aperta, ART lo compila solo una volta, quando l'app viene installata per la prima volta sul dispositivo. Grazie a questa tecnologia AoT (Ahead of Time), ART conserva la batteria e la potenza di elaborazione, portando Android alla piena compatibilità a 64 bit, riducendo il numero di eventi di raccolta dei rifiuti e spostando dinamicamente la memoria, tutto ciò si traduce in più veloce, più fluido prestazioni in tutta l'interfaccia utente.

Miglioramenti simili sono stati apportati ai sistemi di gestione dell'alimentazione di Android. Le nuove API di pianificazione dei lavori consentono a un dispositivo di posticipare alcune attività in background intense, come la sincronizzazione del server e il pull dei dati, fino a quando un dispositivo non è connesso al Wi-Fi o, meglio ancora, a una fonte di alimentazione. Lollipop tiene anche traccia più accurata delle prestazioni della batteria e rende questi dati disponibili per app di terze parti, che a loro volta possono essere ottimizzate di conseguenza.

Quelli che già eseguono Lollipop hanno probabilmente notato i miglioramenti. Dalla navigazione di base alle prestazioni delle app stock e di terze parti, Lollipop è più scattante e fluido rispetto alle versioni precedenti, incluso KitKat. Recenti studi hanno dimostrato che Lollipop ora supera iOS 8 in termini di stabilità, segnando la prima volta che Android è uscito al top rispetto a iOS.

Ma per coloro che soffrono i mali della frammentazione di Android e non sono ancora in grado di sfruttare gli ultimi miglioramenti del sistema operativo, un certo numero di app di Google Play otterranno risultati simili attraverso approcci simili.

App che aggiungono vita alla tua batteria

Gli strumenti per il risparmio della batteria costituiscono una delle categorie più scaricate su Google Play. Questa razza di app afferma di migliorare la durata della batteria del tuo dispositivo attraverso una varietà di approcci e, che ci crediate o no, alcuni funzionano davvero abbastanza bene. Non ci sono trucchi magici e non trovano litio extra nascosto nella batteria, ma gestiscono semplicemente meglio ciò che fa il tuo dispositivo e quando lo fa.

Prendiamo ad esempio JuiceDefender (gratuito) e JuiceDefender Plus ($ 1,99) di LateDroid, la cui versione gratuita vanta più di 7 milioni di download fino ad oggi. In sostanza JuiceDefender utilizza le stesse tattiche di Lollipop: programmando sincronizzazioni e altre attività che consumano molta batteria, gestendo automaticamente le connessioni dati e le prestazioni della CPU e attivando il Wi-Fi in base alla consapevolezza della posizione, Juice Defender è in grado di migliorare le prestazioni dell'hardware esistente. True Battery Saver (gratuito) utilizza tecniche simili per ottenere risultati simili.

Poi ci sono app come Battery Doctor (gratuita) di Cheetah Mobile, che - con oltre 330 milioni di download - è una delle app più popolari della categoria per una buona ragione. Battery Doctor fa un ulteriore passo avanti non solo programmando e uccidendo automaticamente attività e attività, ma anche gestendo i cicli di ricarica del dispositivo. Battery Doctor ti ricorda quando caricare il tuo dispositivo e, cosa più importante, quando interrompere la ricarica del tuo dispositivo impiegando quello che chiama un "ciclo di tre ricariche" progettato per lasciare riposare correttamente la batteria tra i cicli. La scienza dietro di esso afferma che le batterie agli ioni di litio sono influenzate negativamente da abitudini di ricarica improprie, come ricaricare troppo spesso o troppo a lungo, che Battery Doctor mira a regolare.DU Battery Saver (gratuito) e GO Battery Saver (gratuito) utilizzano tecniche simili per migliorare le prestazioni della batteria.

Nel mio test informale, che prevedeva l'esecuzione di un'app alla volta per un giorno intero di utilizzo normale, ho visto una serie di risultati per lo più positivi. La pianificazione dei processi in background, l'uccisione delle app e la gestione delle connessioni hanno avuto un impatto positivo sulla durata della batteria; le affermazioni di ottimizzare i cicli di ricarica o di migliorare la "salute" della batteria hanno avuto risultati meno tangibili. Questo non vuol dire, tuttavia, che i dispositivi obsoleti con batterie scariche non vedranno alcun miglioramento.

Vale la pena notare che molti dei dispositivi più recenti oggi sul mercato affermano di regolare i cicli di ricarica da soli, eliminando del tutto la necessità di queste app. Tuttavia, se stai semplicemente cercando di spremere un'ora o due in più della tua giornata e il tuo dispositivo rimane in standby per una parte significativa di quel giorno, vale la pena indagare su qualsiasi app in grado di pianificare e regolare i processi in background.

App che danno al tuo dispositivo più zip

Google Play è anche pieno di app volte a ottimizzare le prestazioni di CPU e memoria. Queste app affermano di migliorare la velocità del tuo dispositivo, quanto bene gestisce il multitasking e, indirettamente, quanto dura la batteria.

Nonostante i loro vari campanelli e fischietti, queste app utilizzano una tecnica di base per raggiungere il loro obiettivo: uccidono app e processi in background che non influenzano direttamente l'attività in corso. La teoria è semplice: perché lasciare che Google Maps individui la tua posizione o Google Calendar sincronizzi i tuoi appuntamenti o Facebook aggiorni il tuo feed mentre stai cercando di fare qualcosa di completamente estraneo?

Queste app non sono efficaci quanto la revisione completa del runtime di Lollipop, ma fanno una notevole differenza, soprattutto per i dispositivi con una quantità limitata di RAM. Alcuni, come CCleaner (gratuito), puliscono la cache del dispositivo, la cronologia di navigazione e altri dati temporanei per liberare RAM e ROM; altri, come l'eccellente Greenify (gratuito), DU Speed ​​Booster (gratuito) e Clean Master (gratuito), aggiungono trucchi come la gestione della temperatura della CPU e persino la protezione antivirus.

Come tutte le app che abbiamo esaminato, il software per migliorare le prestazioni dipende in gran parte dal tuo dispositivo e dalle tue abitudini di utilizzo. Il Nexus 6, ad esempio, con il suo processore Snapdragon di prima qualità e 3 GB di RAM, probabilmente non trarrebbe vantaggio da un Galaxy Nexus con il suo processore obsoleto e 1 GB di memoria limitato, semplicemente a causa della sua maggiore capacità di prestazioni. Tuttavia, per i dispositivi obsoleti, la matematica alla base di queste app è semplice: più processi in background stai eseguendo, meno RAM devi dedicare ad altre attività più importanti.

Il risultato finale sulle app per la gestione della batteria e delle prestazioni

Nonostante i miglioramenti forniti da queste app, la cosa migliore che puoi fare per mettere a punto il tuo hardware obsoleto è semplicemente aggiornarlo all'ultima versione di Android, ove possibile. Ma per i dispositivi che non hanno ancora il lusso, la durata della batteria e le prestazioni scarse non sono inevitabili. Sebbene le affermazioni di miglioramenti selvaggi e di un dispositivo completamente ringiovanito siano in gran parte gonfiate, queste app non sono del tutto inutili. Queste soluzioni utilizzano metodi collaudati, alcuni dei quali sono stati persino incorporati direttamente nell'ultima iterazione di Android, per ottenere miglioramenti tangibili: vale la pena scaricarli, anche se solo per trattenere il dispositivo fino a quando le modifiche principali non possono prende effetto.

Articoli Correlati

  • Le migliori app per ufficio per Android, secondo round
  • 12 fantastiche API Lollipop che ogni sviluppatore Android 5.0 adorerà
  • 18 modi per ottenere il massimo da Android 5.0
  • Download: Deep Dive per la gestione dei dispositivi mobili
  • Sicurezza mobile: iOS vs Android vs BlackBerry vs Windows Phone