WinDocks fa ciò che Docker e Microsoft non possono fare

Mentre i clienti Microsoft stanno tamburellando le dita in attesa che la prossima versione di Windows Server fornisca il supporto nativo per container Docker, una terza parte - non Docker, non Microsoft - sta tentando di fornire container Docker per l'attuale generazione di sistemi Windows Server.

WinDocks, il nome dell'azienda e del suo prodotto, ha rilasciato una versione 1.0 di un motore Docker progettato per funzionare su Windows Server con supporto per .Net e SQL Server in contenitori.

Il motore Docker utilizzato in WinDocks è una porta diretta del demone Docker esistente, combinato con "un progetto di container Windows open source originariamente sviluppato da Uhuru Software", secondo WinDocks. (Uhuru ha anche precedentemente creato una versione Windows di Cloud Foundry e un'implementazione .Net di OpenShift.)

WinDocks riutilizza l'API Docker esistente, in modo che il client Docker per Windows possa interagire con essa. "Abbiamo implementato un sottoinsieme dei comandi, degli argomenti e delle opzioni Docker completi, proprio come nel caso degli sforzi di Microsoft su Windows Server 2016", ha dichiarato Paul Stanton, vice presidente di Windocks, in una e-mail. "Ci collegheremo e faremo parte dell'ecosistema di strumenti Docker".

WinDocks potrebbe conquistare gli utenti con il suo supporto per .Net e applicazioni Windows, così come SQL Server in container, cosa che Microsoft attualmente non fa. A parte l'esecuzione di SQL Server, questo include "varie configurazioni utente per Microsoft Dynamics", secondo il materiale per la stampa di WinDocks.

Sebbene utilizzi software open source, WinDocks ha una licenza commerciale. Il costo standard è di $ 400 per core all'anno; con SQL Server, il prezzo sale a $ 1.000 per core all'anno. Una licenza per sviluppatori per singolo sistema e core illimitati è disponibile per $ 249.

C'è una grande ragione per cui Docker ha impiegato tempo per essere portato su Windows, anche con l'aiuto di Microsoft: un certo numero di costrutti a livello di sistema usati da Docker non esistono ancora in Windows. I più cruciali tra questi sono i servizi dello spazio dei nomi, utilizzati per impedire a un processo containerizzato di accedere a determinate parti del sistema (come le interfacce di rete), le restrizioni per le chiamate API ai processi sandbox o i meccanismi per impedire l'interazione dei processi contenuti (ad esempio, di memoria condivisa).

WinDocks rileva molte di queste limitazioni, ma si aspetta che l'attuale quota di utenti per Windows Server 2012 - che "non raggiungerà il picco nella quota di utilizzo fino al 2020", secondo Stanton - stimolerà l'interesse verso il prodotto.