Il tuo YouTube privato

YouTube fa ora parte del tessuto sociale di Internet, con le e-mail "guarda questo video" del nuovo millennio che sostituiscono le e-mail delle liste di scherzi degli anni '90 come perditempo aziendali di alto livello. YouTube ha creato delle star per alcuni e delle fortune per alcuni. In tal modo, ha definito il video come un modo semplice e comune per le persone normali di comunicare tra loro. Google sta adottando il concetto di video semplice per la collaborazione aziendale con Google Video, un servizio di condivisione video progettato per le comunicazioni intra-aziendali con membri del team, partner e colleghi di lavoro.

Come con la maggior parte delle proprietà di Google, la semplicità è la caratteristica principale dell'interfaccia utente. L'interfaccia utente, presentata nelle forme e nei colori semplici comuni a Google Apps, consente di inserire nel sito un video, completo di tag e descrizioni, in pochi istanti.

[Consulta la nostra recensione di Google Apps in "Cloud versus cloud: un tour guidato di Amazon, Google, AppNexus e GoGrid". Vedi la recensione di Google Docs and Spreadsheets in "Office killers pack some heat". ]

Una volta sul server di Google Video, il video viene presentato in un formato che sembrerà vagamente familiare a chiunque sia stato su YouTube. Infatti, secondo l'azienda, Google Video è costruito sulla stessa piattaforma che ospita YouTube. Se metti semplicemente dei video sui server di Google e definisci l'elenco di coloro che possono visualizzarli, puoi ottenere un buon uso del servizio pensandolo come un YouTube privato. Se è tutto ciò che fai, però, ti perderai gran parte della potenza che si trova sotto l'infrastruttura video di base.

Prendi la visualizzazione, ad esempio. I video possono essere guardati in alta qualità o qualità standard. Ti consigliamo di scegliere l'alta qualità a meno che tu non stia raggiungendo il servizio tramite dial-up o altre connessioni a bassa larghezza di banda. Nel visualizzatore di Google Video, un pulsante "Scene" fornisce un gruppo di immagini in miniatura da vari punti del video. Fare clic su una miniatura ti porta direttamente a quel punto del video. Questa è un'ottima funzionalità per coloro che hanno bisogno di vedere e commentare parti specifiche di un video. Dopo aver visto il video, potresti essere in grado (a discrezione della persona che ha inserito il video sul server) di scaricare il file in formato MP4 con qualità alta o standard.

L'autore del caricamento può anche controllare chi può pubblicare commenti sul video. Al momento del caricamento, possono designare individui come collaboratori (che possono valutare, taggare e commentare il video) o spettatori (che possono semplicemente guardare il video). È anche possibile evitare un elenco esplicito di visitatori e collaboratori e selezionare una casella che consenta a chiunque disponga di un indirizzo nel dominio Google di visualizzare il file.

Il video che inserisci può essere in un'ampia varietà di formati, inclusi AVI, Windows Media, QuickTime e MPEG. Google ha alcuni consigli sulla qualità (640 x 480, 30 fps, deinterlacciato, ecc.), Anche se il file non può essere più grande di 300 MB. Una volta caricato, il file verrà convertito da Google in un processo che richiederà fino a tre volte la lunghezza del video. Quindi non aspettarti che un video di 10 minuti venga visualizzato in Google Video fino a 30 minuti dopo; potresti voler caricare e pranzare.

Una delle caratteristiche più interessanti di Google Video è la possibilità di incorporare il video in una pagina Web di Google Sites o in un gadget di Google. È importante, qui, notare che il video incorporato conserva lo stesso privilegio di condivisione del video originale piuttosto che assumere il privilegio di visualizzazione del sito Web. Ciò significa che non puoi utilizzare Google Video per condividere un video con tutto il mondo (è a questo scopo YouTube) e non puoi utilizzarlo per condividere ampiamente video con partner e clienti a meno che non dispongano di account di accesso sul tuo Dominio di Google Apps.

Quest'ultimo punto sottolinea una cosa che ho menzionato all'inizio di questo articolo: Google Video è uno strumento di collaborazione, non uno strumento di distribuzione video. Come strumento di collaborazione video è facile da usare e ben integrato in Google Apps. A partire dal 2 settembre, Google Video farà parte del set di strumenti di Google Apps Premier, senza licenze aggiuntive richieste per tali clienti. Google ha anche annunciato che ci sarà un'edizione didattica per utenti di Google Video, che sarà gratuita dall'8 settembre 2008 fino al 9 marzo 2009, dopodiché sarà di $ 10 per utente all'anno.

Hai bisogno di Google Video? Se sei già un utente di Google Apps, ora hai un nuovo strumento di collaborazione. Per la formazione e l'istruzione all'interno dell'organizzazione, Google Video consente una facile distribuzione a basso costo. Molte aziende, soprattutto quelle geograficamente disperse, troveranno questo uno strumento prezioso. Non sono sicuro, tuttavia, che sia di per sé un motivo sufficiente per adottare Google Apps se non sei già un utente. Consideralo come un passo nella rapida evoluzione della suite di Google Apps e sei sulla strada giusta. Ora, però, è una traccia che viene fornita con immagini in movimento.

Scorecard Valore (10,0%) Facilità di utilizzo (25,0%) Scalabilità (20,0%) Caratteristiche (25,0%) Integrazione (20,0%) Punteggio complessivo (100%)
Google Video 9.0 9.0 9.0 8.0 8.0 8.6