4 motivi per cui il libcontainer di Docker è un grosso problema

Di tutte le notizie che sono uscite questa settimana sulla versione 1.0 del sistema di containerizzazione delle app Docker, i dettagli su cosa c'è dentro Docker potrebbero essere più cruciali.

Un progetto chiave nel cuore di Docker, libcontainer, sta diventando uno sforzo collaborativo che potrebbe rendere i container ancora più utili di quanto non siano ora con Docker e potrebbe trasformare Docker in molto più di una tecnologia incentrata su Linux.

Ecco quattro grandi ragioni per cui libcontainer potrebbe essere un affare ancora più grande dello stesso Docker a lungo termine.

1. È uno standard, o il più vicino possibile a quello che vedremo adesso

Libcontainer fornisce un'interfaccia standard per creare sandbox o container all'interno di un sistema operativo. Con esso, un contenitore può interfacciarsi in modo prevedibile con le risorse, la sicurezza e i controlli comportamentali del sistema operativo host e l'app al suo interno può essere controllata come previsto.

Di conseguenza, Docker non deve più dipendere da altri componenti per funzionare correttamente. In Linux, questo era un problema, poiché Docker si basava storicamente, ad esempio, su LXC (che poteva variare a seconda delle distribuzioni o delle installazioni).

Linux ha offerto un eccesso di modi per containerizzare le applicazioni, dal proprio LXC a tecnologie basate su infrastruttura come gli ingranaggi di OpenShift o le dinamiche di Heroku. Ma non sono stati all'altezza delle funzionalità o non sono stati considerati standard nel senso di funzionalità che possono essere implementate da sole. A tal fine, libcontainer è il primo tentativo di standardizzare il modo in cui le app vengono impacchettate, consegnate ed eseguite in isolamento - e uno che gli sviluppatori, non solo gli amministratori di sistema, possono agganciare e implementare.

2. Darà a tutti una fetta della stessa torta di containerizzazione

Tra gli annunci di Docker 1.0, è emersa chiaramente l'ampia portata del supporto Docker. Red Hat, Google, Canonical e Parallels forniranno funzionalità diverse a libcontainer, non solo beneficiandone in modi diversi, ma fornendo un'espansione delle funzionalità di Docker ai suoi clienti.

Red Hat, tramite l'imminente Project Atomic, è interessata a fare di Docker la base per containerizzare pesantemente lo stesso Linux dall'alto verso il basso. Questo progetto potrebbe avere importanti implicazioni per il modo in cui vengono create le distribuzioni Linux in primo luogo, ed è probabile che sia reso più facile con libcontainer. Google ha aggiunto il supporto per i container Docker ai suoi servizi cloud, Canonical sta aggiungendo funzioni di gestione delle risorse a libcontainer e Parallels sta fornendo un porting della lingua, una riscrittura di libcontainer in C.

3. Docker potrebbe diventare anche una cosa di Windows

Poiché libcontainer viene portato in altre lingue, Docker verrà probabilmente visualizzato in luoghi in cui non è stato ancora distribuito. Caso in questione: Microsoft Windows.

Il CEO di Docker Ben Golub ha notato che nulla impedisce a Docker di diventare una tecnologia multipiattaforma. "Non vi è alcun motivo fondamentale per cui dobbiamo rimanere in Linux", ha detto, suggerendo che alcuni progetti che coinvolgono .Net di Microsoft erano in arrivo.

Potrebbero essere già emerse nozioni su come questo potrebbe svolgersi. La revisione più recente di ASP.Net è un'attività multipiattaforma e Microsoft ha aggiunto il supporto per Docker in Azure. Tali sviluppi renderebbero possibile la Dockerizzazione del nuovo .Net stesso.

Non è poi così sorprendente che Microsoft sarebbe interessata al progetto. Non solo Microsoft ha rivisto il suo atteggiamento nei confronti dell'open source, ma la ricerca gioca sull'intento dell'azienda di trasformare Windows Azure in una base su cui eseguire qualsiasi tipo di software o sistema operativo.

4. Docker stesso potrebbe essere solo l'inizio

Poiché libcontainer è open source, c'è poco che impedisce ad altri di creare i propri prodotti di containerizzazione su di esso. È probabile che Docker rimarrà il prodotto di riferimento per i contenitori di app per molto tempo: ha lo slancio, la base esistente di utenti e un fiorente ecosistema di servizi di terze parti. Ma Docker non deve essere l'unico prodotto.

Questa storia, "4 motivi per cui il libcontainer di Docker è un grosso problema", è stata originariamente pubblicata su .com. Ottieni la prima parola su cosa significano veramente le notizie tecnologiche importanti con il blog Tech Watch. Per gli ultimi sviluppi nelle notizie di tecnologia aziendale, segui .com su Twitter.