Un mondo senza Linux: dove sarebbero Apache, Microsoft e persino Apple oggi?

Dilettarsi nella storia alternativa è sempre un esercizio casuale. L'intreccio di una miriade di fattori e azioni, mescolati insieme in un'equazione storica infinitamente complessa che determina il futuro, rende sostanzialmente impossibile qualsiasi tentativo di asportare una certa variabile. Tuttavia, a volte può essere educativo e illuminante cercare di fare buchi ai margini della storia recente per vedere dove avremmo potuto finire. Inoltre, è divertente e potenzialmente pieno di sorprese.

Caso in questione: come sarebbe il mondo se Linus Torvalds non avesse caricato il suo kernel Linux v0.0.1 in una directory pubblica nel 1991? E se il mondo non avesse mai conosciuto Linux?

[Dimostra la tua esperienza con il sistema operativo gratuito nei test IQ dell'amministratore di Linux round 1 e round 2. | Tieni traccia delle ultime tendenze dell'open source con il blog Open Sources e la newsletter Technology: Open Source. ]

Se diamo uno sguardo al panorama informatico nel 1991, scopriamo che è completamente costruito su grandi aziende trincerate che addebitano incredibili quantità di denaro per i loro prodotti. Che tu stia eseguendo mainframe IBM o AS / 400, SunOS, HP-UX, AIX o anche VMS, lavoravi con un sistema operativo molto costoso su hardware molto costoso.

Tutti i dati erano big data e non c'era molto spazio per la fascia media e bassa dell'elaborazione basata su server. O avevi un sacco di PC che giravano attraverso le app DOS, generalmente senza una rete, o avevi una scatola monolitica nella stanza sul retro che costava un sacco. L'informatica era una torre d'avorio.

Ma quando apparve Linux, la mentalità stava cambiando, specialmente nei dipartimenti di informatica delle università e dei college. Gli accademici volevano essere in grado di lavorare su sistemi che non richiedessero tonnellate di denaro per la licenza. Ciò ha stimolato lo sviluppo di Minix, un sistema operativo educativo progettato per l'uso nelle università, e inizialmente ha motivato Torvalds a iniziare a codificare il kernel Linux. Rimuovi Torvalds e Linux da questa immagine e supponendo che tutte le altre variabili rimangano le stesse (che è un grande presupposto), Minix continua come strumento educativo e nient'altro, e l'attrezzatura monolitica continua a governare il panorama informatico.

Ma aspetta. Pochi anni dopo, un sistema operativo noto come FreeBSD è stato reso disponibile per il download FTP. La sua popolarità è cresciuta rapidamente, poiché molti utenti che hanno familiarità con BSD hanno scaricato FreeBSD e si sono messi a migliorarlo. Poi sono seguite le azioni legali storiche che hanno portato BSD a diventare open source e la licenza BSD che consente l'uso gratuito del codice. FreeBSD è stato rapidamente rielaborato per incorporare il codice appena liberato, ed è diventato FreeBSD 2.0 veramente gratuito nel gennaio 1995.

Senza Linux in questo mix, penso sia sicuro dire che le migliaia e migliaia di hacker di codice in tutto il mondo avrebbero trovato FreeBSD, proprio come hanno trovato Linux. Il desiderio e le abilità erano presenti e la licenza su FreeBSD ha reso estremamente facile per chiunque entrare nel gioco. Invece di tutte quelle collaborazioni che spingono Linux in avanti, questi sforzi si sarebbero concentrati su FreeBSD. Ciò avrebbe portato a uno sviluppo più rapido di FreeBSD e alla fine avrebbe potuto portare un numero qualsiasi di fork a trovare trazione in vari settori.