HTML5: dove sta andando la tecnologia web di base

HTML5 ha iniziato a fare scalpore nello sviluppo del software molti anni prima della sua adozione ufficiale nell'ottobre 2014, riducendo la dipendenza da tecnologie Internet avanzate proprietarie come Adobe Flash e Microsoft Silverlight. L' video elemento HTML5  , per incorporare video in un documento, è stato un grande cambiamento per supportare il ricco Internet. HTML5 è stato progettato anche per supportare il cambiamento del Web da un luogo in cui sfogliare i documenti a un luogo in cui creare applicazioni distribuite. 

Tuttavia, HTML5 è ancora alla ricerca di un codec video comune e privo di royalty per il web. Ci sono stati dei progressi, ma nessuna risoluzione. H.265 è ancora gravato da brevetti. Il codec VP9 di Google può aiutare, ma altre aziende coinvolte negli standard web sono diffidenti nel supportare la tecnologia di un importante concorrente.

Tuttavia, HTML5 si è affermato come il modo per creare applicazioni per un Web aperto e ricco di contenuti multimediali. "HTML5 è diventato molto rapidamente l'unica versione di HTML che le persone utilizzano attualmente nei browser e nei siti Web", ha affermato Jeff Jaffe, CEO del World Wide Web Consortium, che ha giurisdizione sulla tecnologia.

Miglioramenti incrementali di HTML5

La specifica HTML5 viene aggiornata regolarmente. A volte, ci sono piccoli miglioramenti alle funzionalità e correzioni di bug, come con la versione 5.1 dello scorso anno, che ha modificato l' canvaselemento 2D e ulteriormente ripulito HTML5.

La prossima è la versione 5.2, con funzionalità come, provvisoriamente, l' menuelemento, che rappresenta un gruppo di comandi che possono essere attivati. La versione 5.2 si concentra anche sulla politica di sicurezza del contenuto web, fornendo agli sviluppatori un modo per controllare l'accesso alle risorse. L'aggiornamento potrebbe anche gestire indirizzi e-mail in alfabeti non latini. Tuttavia, HTML5.2 è considerato una revisione minore.

Ma il W3C vuole aggiornamenti più frequenti della specifica HTML di base, aggiornandola ogni anno invece che ogni 10-15 anni come nei precedenti cambiamenti della versione principale HTML, il che non tiene il passo con il tempo web, ha detto Jaffe. Tuttavia, quelle revisioni principali non avranno necessariamente aggiornamenti a numero intero, come da HTML5 a HTML6 a HTML7.

Cosa potrebbe fare per un successore HTML5

Quindi ci sarà mai un HTML6? Jaffe suggerisce che i pagamenti web potrebbero giustificare una revisione a numero intero di questo tipo, per fornire un modo coerente di eseguire pagamenti sul web. "Se dovessimo chiamare linearmente qualcosa HTML6, potrebbe essere questo." Sebbene l'acquisto tramite il Web non sia una novità, la crescente predominanza dell'utilizzo del Web mobile sta inducendo le persone ad abbandonare i carrelli degli acquisti a causa della complessità e potrebbe richiedere un approccio diverso incorporato nello stesso HTML. Il W3C ha un gruppo di lavoro per esplorare proprio questo problema.

W3C sta anche lavorando su Web Components, un framework per identificare componenti di siti Web riutilizzabili e Service Worker, per rendere più semplice l'esecuzione di più funzioni all'interno di un browser, con funzionalità offline. Forse giustificheranno una modifica del nome in HTML6.

Il web aperto ramifica HTML5 in nuove aree

Sebbene HTML5 abbia ancorato la piattaforma web aperta, la piattaforma stessa è diventata sempre più più grande del semplice HTML, ha affermato Jaffe. Quindi il W3C sta lavorando su sicurezza, prestazioni e streaming.

Uno sforzo correlato allo streaming coinvolge lo standard EME (Encrypted Media Extensions) proposto, che estende lo standard HTMLMediaElement(in HTML5.1) per fornire API per il controllo della riproduzione di contenuti crittografati e la connessione a un sistema di gestione dei diritti digitali. EME fornisce un modo standard per visualizzare i video attraverso i browser. In precedenza, non c'era interoperabilità, ha detto Jaffe. "È un enorme miglioramento rispetto al metodo non standardizzato di fornire video oggi", che è spesso la controversa tecnologia plug-in NPAPI di Netscape.

Tim Berner-Lee, direttore del W3C e considerato l'inventore del web, ha approvato la proposta EME a febbraio, dicendo che fornisce un modo relativamente sicuro per guardare un film online. Ma altri si sono opposti alla proposta. Lo stesso Berners-Lee osserva che ci sono problemi con DRM per gli sviluppatori e problemi relativi ai posteri e alle leggi.

Per la sicurezza web, il W3C ha tre sforzi:

  • Un framework di autenticazione web. L'obiettivo in corso è supportare la sicurezza tramite l'autenticazione a più fattori. "Vogliamo davvero sfuggire alle password", ha detto Jaffe.
  • API Web Crypto. Completato all'inizio di quest'anno, fornisce un'API JavaScript per operazioni crittografiche di base nelle applicazioni web.
  • Best practice per la sicurezza dello sviluppo web. Inoltre, queste pratiche hanno lo scopo di impedire la condivisione di informazioni da un'applicazione a un'altra e quindi violare la privacy degli utenti.