Storie di supporto tecnico folli ma vere

Sono una delle persone che risponde alla tua chiamata o e-mail quando hai un problema con il computer o con il software. Lo faccio da anni in diverse organizzazioni. E c'è una ragione per cui sembro un operatore di emergenza quando chiami, con quel comportamento stranamente spassionato: alcune delle tue chiamate ed e-mail sono vere cazzate, e se non fosse stato per il pulsante Mute, sarei stato licenziato anni fa per le mie risate o le mie esclamazioni in risposta ad alcune delle cose che sento.

Tutti noi nel supporto tecnico facciamo affidamento sul pulsante Mute per nascondere le nostre reazioni quando arriva una di quelle chiamate e su IM per parlarne a bassa voce, per la necessità di condividere e per ottenere possibili risposte l'uno dall'altro. Pensaci: sono al telefono e non riesco a vedere per cosa stai chiamando, ma devo capirlo e poi guidarti attraverso la soluzione. Questo richiede abilità, concentrazione e forse ossessione!

[Ogni settimana, pubblica storie anonime ma vere di imbrogli IT nel nostro blog Off the Record. | Segui la follia dell'industria tecnologica nel blog di Robert X. Cringely's Notes from the Field tre volte a settimana. ]

Ma devo ammettere che anche i casi folli di solito rivelano alcune nuove intuizioni su come risolvere il problema della persona successiva - o anche il mio.

Dopotutto, anche le persone del supporto tecnico come me incontrano problemi: mi viene in mente un incidente dell'infanzia, in cui la mia famiglia aveva appena ottenuto il suo primo PC, una macchina gigantesca in stile AT e - geek in erba che ero - Ho deciso di utilizzare autoexec.bat per automatizzare l'accesso alle app premendo i numeri in un menu di testo che appariva all'avvio. Tuttavia, sono riuscito a creare due file autoexec.bat in directory diverse e incrociarli, quindi i PC sono rimasti semplicemente bloccati in un ciclo infinito di caricamenti di menu. Dopo ore passate a cercare di capire il problema, sono andata dai miei genitori in lacrime e ho detto loro che avevo rotto il loro computer. "L'hai rotto, l'hai aggiustato - e velocemente", era il succo della loro risposta, così il giorno dopo a scuola dissi all'esperto di computer quello che avevo fatto. "Premi e tieni premuto Ctrl-C per interromperlo", ha consigliato. "È così semplice.Perché non lo sapevo? "Ho pensato.

Ecco perché oggi, quando anche le persone più intelligenti hanno gli errori più stupidi - come non rendersi conto che il potere è interrotto nel loro edificio ed è per questo che il computer non si avvia - posso condividere queste folli storie di supporto con umiltà e faccia seria (almeno, per quanto puoi dire).

"La palla rimbalza ... ed esplode!"