Tim Cook di Apple vince dove Steve Jobs ha fallito: su Java

Tim Cook ha fatto un colpo sorprendente, convincendo Larry Ellison a iniziare a cucinare, se non a mangiare, il suo cibo per cani.

I titoli fanno sembrare che Oracle, il proprietario ereditato di Java, sia intervenuto generosamente per proteggere i proprietari di Mac da infezioni come Flashback. C'è un importante retroscena, però, che non ha colpito i titoli dei giornali.

Sebbene Steve Jobs abbia cercato per anni di sfuggire al Java ball and chain, la scorsa settimana Tim Cook ha finalmente costretto Oracle a fornire aggiornamenti per il proprio software. Sono bastati 700.000 sistemi infetti per convincere Oracle a gestire Java su OS X stesso.

Steve Jobs ha abbandonato Java per Mac nell'ottobre 2010, rimuovendolo come parte dell'installazione standard di OS X. Il post sulla libreria per sviluppatori di Mac OS X per il 20 ottobre dice: "Il runtime Java portato da Apple e fornito con Mac OS X è deprecato. Gli sviluppatori non dovrebbero fare affidamento sul runtime Java fornito da Apple presente nelle versioni future di Mac OS X." Allo stesso tempo, Apple ha smesso di accettare app per il Mac App Store che si basavano su Java Runtime Environment. Apple non aveva mai supportato i client Java nel suo iOS.

Il 21 ottobre 2010, il forum di MacRumors ha affermato che Jobs ha risposto a uno sviluppatore Java preoccupato, affermando: "Sun (ora Oracle) fornisce Java per tutte le altre piattaforme. Hanno i propri programmi di rilascio, che sono quasi sempre diversi dai nostri, quindi Java che spediamo è sempre una versione precedente. Questo potrebbe non essere il modo migliore per farlo. "

Naturalmente, all'epoca Jobs sapeva che stava soffiando fumo - o forse si è instaurato un campo di distorsione della realtà. Con poche eccezioni degne di nota, il proprietario di Java non ha mai fornito versioni "per tutte le altre piattaforme". All'inizio di Java, Sun forniva una versione del runtime per Linux perché, come dice il "padre di Java" James Gosling, "non c'era nessun altro a farlo". Ogni altro distributore - Microsoft, IBM, Hewlett-Packard e Apple - ha lanciato la propria versione, basata sul codice di riferimento di Sun.

Java 1.0 per Mac OS 9 è stato rilasciato nel 1996, l'anno in cui Apple ha acquistato NeXT e Jobs è tornato alla Apple. Jobs sapeva benissimo che Apple stava sviluppando la propria versione di Java, proprio come tutti gli altri fornitori di piattaforme.

Microsoft ha iniziato a portare la sua versione di Java molto lontano, aggiungendo le proprie estensioni al linguaggio, e Sun ha fatto causa nel 1997 per riavere il suo marchio. Una battaglia giudiziaria aspra, estesa e molto pubblica si è conclusa nel gennaio 2001, con Microsoft che ha pagato Sun $ 20 milioni per le sue trasgressioni e Sun ha preso il controllo degli aggiornamenti Java. Fino a quest'ultima settimana, Sun aveva rilasciato versioni Java solo per Linux e Windows. Tutte le altre piattaforme hanno fatto proprie.

Il fatto è che Jobs aveva cercato per anni di convincere Sun, e poi Oracle, a rilevare le versioni di Java per OS X. Nel 2007, si dice che Jobs abbia detto: "Non vale la pena costruire Java. Nessuno usa più Java. È questo grande palla pesante e catena. " Nel 2010, quando Jobs lasciò cadere Java come una tazza di caffè bollente, cercò di convincere Oracle a sostenerlo. Da allora, Java è stato un figliastro trascurato nel mondo Mac, completamente evitato in iOS.