L'anteprima di Office 2010 trapela a BitTorrent

Poche ore prima che Microsoft pianifichi di lanciare Office 2010, una build che potrebbe essere la prima anteprima pubblica della suite trapelata su Internet, le ricerche hanno mostrato domenica tarda.

Una nuova versione di Office 2010, build 14.0.4302.1000, è apparsa domenica su diversi siti di tracciamento BitTorrent, incluso Mininova.org. Entrambe le edizioni a 32 e 64 bit sono trapelate nei siti di condivisione di file.

[Dai un'occhiata alla recensione approfondita di Microsoft Office 2010 di Neil McAllister e ai punti salienti della presentazione di Office 2010. | Resta al passo con i problemi e le tendenze dello sviluppo di app con i blog Fatal Exception e Strategic Developer di. ]

A partire dalla mezzanotte ET, la versione a 32 bit mostrava circa 30 "seeders" - il termine per un computer che ha una copia completa del file torrent - e circa 400 "leecher", o computer che hanno scaricato solo una parte del torrent completo. Sono state scaricate circa 1.200 copie del file.

Office 2010 è trapelato prima. A maggio, una settimana dopo che Microsoft aveva annunciato che avrebbe pubblicato l'anteprima tecnica quest'estate, una prima edizione è apparsa su BitTorrent.

Secondo diversi rapporti della scorsa settimana, Microsoft darà il via alla sua Worldwide Partner Conference (WPC) lunedì mattina annunciando che è pronta per distribuire l'anteprima solo su invito di Office 2010 e dimostrando Office Web, versioni online leggere di Word, Excel, PowerPoint e OneNote.

Sebbene Microsoft abbia affermato che l'anteprima tecnica di Office 2010 verrà rilasciata a centinaia di migliaia di utenti, è solo un preludio su invito a una versione beta pubblica più ampia che la società eseguirà entro la fine dell'anno. Microsoft non ha annunciato una data per la beta, ma prevede di fornire milioni di copie della suite.

Office 2010 dovrebbe essere spedito durante la prima metà del prossimo anno.

Questa storia, "L'anteprima di Office 2010 trapela a BitTorrent" è stata originariamente pubblicata da Computerworld.