Recensione: 7 eccellenti costruttori di app per dispositivi mobili

Indietro 1 2 3 Pagina 2 Avanti Pagina 2 di 3

Appcelerator

Appcelerator Titanium è stato un attore nello spazio di sviluppo mobile per diversi anni, con un ambiente di sviluppo basato su JavaScript che compila in codice nativo per iOS, Android e altri obiettivi. Con il rilascio di Appcelerator Studio 3.3 e Appcelerator Platform 2.0 nel luglio 2014, la società ha aggiunto un MBaaS con circa 25 API, supporto Node.js e analisi online. Inoltre, Appcelerator ha pubblicato interfacce al suo MBaaS che gli sviluppatori possono aggiungere alle app create con SDK nativi, sebbene non abbia ancora supportato SDK nativi nel proprio IDE di Studio.

Come con AnyPresence, originariamente ho classificato Appcelerator come MBaaS. Ovviamente è anche un ottimo app builder con un eccellente IDE.

Appcelerator ha più framework sul lato client e più tipi di API per il cloud. A livello di base sul client, Appcelerator offre Titanium SDK, che fornisce un'interfaccia tra JavaScript e servizi nativi. A un livello superiore, Appcelerator offre Alloy Framework, che si basa sull'architettura model-view-controller e contiene il supporto integrato per Backbone.js e Underscore.js. Quando crei una nuova app client da Studio, in genere ne generi una che utilizza Alloy.

Sul lato cloud, puoi raggiungere Appcelerator Cloud Services utilizzando un'API REST, tramite collegamenti a Titanium SDK, tramite Node.ACS e tramite SDK nativi. L'API REST funzionerà sempre, sebbene sia l'opzione meno conveniente. Ti consigliamo di utilizzare principalmente le chiamate REST per raggiungere nuovi servizi che non hanno ancora associazioni a Titanium SDK.

Appcelerator può chiamare REST e persino servizi SOAP utilizzando HTTPClient e le sue routine di analisi integrate. Se hai impostato un wrapper REST per una query di database, puoi ottenere i dati JSON nella tua app abbastanza facilmente. Quel wrapper potrebbe essere implementato su Node.js o su un altro server, come nel caso di un'estensione del servizio Web al server database.

Un MBaaS più serio avrebbe già testato moduli integrati configurati per mappare facilmente i principali database in un modulo utilizzabile dalle sue app, sicuramente per Oracle, SQL Server, MySQL e PostgreSQL. Considero lasciare questo come un esercizio per lo sviluppatore come una scappatoia, anche se scrivere wrapper di database RESTful non è scienza missilistica, specialmente su Node.js.

Appcelerator afferma di avere alcuni connettori aziendali che vende sul livello MBaaS, come per SAP e Salesforce.com. E uno dei vantaggi di Node è la fornitura di moduli sviluppati dalla comunità per molte altre fonti come MySQL, SQL Server (che funziona su un server Windows con Node.js), PostgreSQL e molti database NoSQL.

Allo stesso modo, Appcelerator può utilizzare un database SQLite locale su un dispositivo, lavorare con l'archiviazione di coppia, la cache in memoria e rilevare quando il dispositivo è online. Tuttavia, non dispone di un framework completo per la gestione di app connesse in modo intermittente, in particolare non per la risoluzione dei conflitti. Secondo l'azienda, la maggior parte dei suoi clienti utilizza modelli in lega per gestire parte di questo.

Appery.io

Appery.io è una piattaforma di sviluppo mobile ibrida e Web mobile basata su cloud piuttosto efficiente con strumenti di programmazione e progettazione visiva online e servizi di back-end integrati. Puoi pensarlo come un incrocio tra un generatore di app e un MBaaS.

Il generatore di app Appery.io genera codice HTML5, jQuery Mobile, AngularJS, Bootstrap e Apache Cordova e il server di compilazione Appery.io genera app iOS, Android, Windows Phone e HTML5. Appery.io MBaaS fornisce hosting, un database MongoDB, notifiche push, codice server JavaScript e un proxy sicuro. Consente l'hosting HTML al proprio cloud, a Heroku e (manualmente) a provider di hosting di terze parti.

Il generatore di app Appery.io ha schede per le impostazioni dell'app, il modello e l'archiviazione, le pagine mentre le crei, finestre di dialogo, modelli, temi, CSS, qualunque servizio tu definisca, JavaScript e qualsiasi componente personalizzato che definisci. Il builder utilizza una metafora di progettazione WYSIWYG con una tavolozza di oltre 25 controlli, inclusi quelli per servizi esterni come Google Maps e Vimeo, e visualizza una finestra delle proprietà per ogni elemento. Puoi passare dalla visualizzazione struttura alla visualizzazione codice sorgente per vedere il codice HTML, CSS, JavaScript generato e qualsiasi codice specifico del dispositivo: Java per Android, Objective-C per iOS e XAML supportato da C # per Windows Phone.

Appery.io può parlare essenzialmente con qualsiasi API REST, indipendentemente dal fatto che la società abbia precostruito l'interfaccia. Il collegamento di un'interfaccia REST precostruita a un servizio è questione di pochi minuti; costruire l'interfaccia REST da zero richiede un po 'più di tempo e richiede di saperne di più, ma non è un grande lavoro.

Puoi testare la tua app HTML5 mentre procedi, sia nel browser desktop che nei browser del telefono e del tablet; tutto ciò che non dipende da Cordova funzionerà. Per testare il tuo codice Cordova (ad esempio, per utilizzare le funzionalità native del dispositivo o ricevere messaggi push), crea la tua app, scaricala sul tuo dispositivo ed eseguila lì. Per comodità, Appery.io mostrerà i codici QR per la tua app HTML5 e i tuoi file binari in modo che tu possa scaricarli direttamente sul tuo dispositivo. Per ancora più comodità, puoi installare la shell dell'app di test nativa di Appery.io sul tuo dispositivo e indicarla al tuo codice.

In generale, ho trovato il generatore di app Appery.io facile da imparare e da usare. Appery.io ha fatto un buon lavoro nel progettare il suo IDE in modo che gli sviluppatori mobili di solito non siano sorpresi da ciò che ottengono.

È bello che Appery.io abbia il proprio builder e servizio di compilazione basati su cloud. Insieme all'IDE basato su browser, ciò significa che gli sviluppatori mobili non devono disporre di più computer o più VM per creare app native e non devono mantenere più SDK e IDE nativi.

EachScape

EachScape realizza la tripletta di generare app iOS, Android e Web da un designer online drag-and-drop. Inoltre, EachScape fornisce servizi di back-end mobile per le app create con la sua piattaforma, anteprima web per tutte le app e un servizio di compilazione online.

L'architettura che consente a EachScape di creare app iOS, Android e HTML5 da un editor drag-and-drop (Cloud Studio) dipende da blocchi e moduli, nonché layout e azioni. Dietro le quinte, EachScape ha implementato una serie di classi in Objective-C per iOS, in Java per Android e in CoffeeScript per app Web che corrispondono ad annunci, pulsanti, contenitori, controlli, connettori dati, input dati, HTML, mappe, media, navigazione, segnaposto, query remote RESTful, social network e testo. Gli sviluppatori avanzati possono creare nuovi blocchi e moduli per EachScape per estenderne le capacità, utilizzando i suoi SDK.

I servizi di back-end EachScape includono raccolte cloud (spiegate di seguito), connettori dati, analisi, annunci per dispositivi mobili, accesso ai social media, notifiche push, servizi di localizzazione e fatturazione. EachScape attualmente non offre servizi di back-end al di fuori degli abbonamenti alla piattaforma.

EachScape Cloud Studio ha un paradigma di sviluppo di tipo Microsoft Visual Basic / Borland Delphi. Trascina un blocco su una pagina dell'app, posizionalo visivamente e configura le sue proprietà. Visualizza un'anteprima Web, gioca con essa e itera. Utilizza una raccolta dati nel cloud o un'altra origine dati per popolare l'app con i dati.

Quando sei pronto per provare l'app su un dispositivo o in un simulatore, crea l'app online e controlla gli obiettivi che desideri da varie gamme di versioni di Android, iOS 7 e 8 e HTML5. Una volta che un target è stato creato sul cloud EachScape (operazione che può richiedere alcuni minuti, soprattutto la prima volta che si crea un'app per un determinato target), è possibile scaricare l'app per testarla in un dispositivo o simulatore. Un codice QR nella schermata della cronologia di build rende il download su un dispositivo indolore.

La funzionalità Cloud Collections di EachScape è un po 'come l'implementazione di MongoDB nella maggior parte delle piattaforme MBaaS e un po' come il CMS in WordPress. Il connettore dati EachScape è essenzialmente limitato alle origini dati RESTful XML, RSS e JSON. EachScape attualmente non offre strumenti propri per creare wrapper RESTful attorno ai sistemi di registrazione. Secondo l'azienda, quelli arriveranno nel secondo trimestre del 2015.